Translate

mercoledì 12 giugno 2013

Incontro con Giancarlo Capurro presso la distilleria

Da quasi due anni ho iniziato a scrivere ed a raccogliere testimonianze su Romano Levi per poi pubblicare il tutto in un libro.

Ieri l' "Ignaro" Fabrizio incontra per Neive, durante la pausa pranzo, un signore che gli chiede di Romano e del museo "La Casa della Donna Selvatica" ed è così che viene a sapere che si tratta di Giancarlo Capurro.

Forse non tutti lo sanno, ma Giancarlo era un amico di Romano e Lidia ed ha composto una melodia per loro diversi anni fa: una poesia dove traspira l'amore e l'amicizia tra i tre.

Ricevo la chiamata da Fabrizio, non appena sento il nome Capurro mi ricordo della poesia in teca nell'ufficio dove Romano scriveva/disegnava poesie sulle etichette.

Ho passato quasi due ore a chiacchierare ed a fare amicizia con lui parlando ovviamente dei suoi ricordi, che ora non posso svelarvi in quanto li scriverò nel capitolo "Giancarlo Capurro incontra Romano Levi".

Vi lascio con due foto: una di me con Giancarlo e l'altra dove si vede parte della stanza dell'ufficio di Romano e la poesia in teca.

Vi aspetto, numerosi come sempre, al prossimo post!

Diego Schiappapietra con Giancarlo Capurro

La teca dove viene esposta nell'ufficio (in alto a destra).